1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

Si definisce Codice Etico quel documento ufficiale di COOPAR contenente l’enunciazione dei valori su cui si fonda la cultura della Società Cooperativa, la dichiarazione delle responsabilità verso tutti gli stakeholders alle quali è moralmente obbligata, la specificazione delle politiche aziendali in materia di etica d’impresa, l’indicazione delle prescrizioni alle quali i soci-e e i collaboratori-trici devono attenersi per mettere in  atto le politiche etiche della Società Cooperativa.

Scopo del presente documento è quello di assicurare che i valori etici di COOPAR siano chiaramente definiti e costituiscano l’elemento base della cultura aziendale, nonché lo standard di comportamento dei soci-e di tutti i collaboratori-trici nella conduzione delle attività e degli affari della Società Cooperativa.

In termini generali nel codice etico è contenuto l’insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di COOPAR nei confronti di tutti i portatori d’interesse, vale a dire: soci-e, collaboratori-trici, fornitori, clienti, Pubblica Amministrazione, ecc. (‘Stakeholders’).

Ciascun socio-a, collaboratore-trice esterno, è tenuto al rispetto delle norme contenute nel presente Codice nell’esercizio delle proprie funzioni.

I principi espressi di seguito rappresentano regole comportamentali cui tutti devono attenersi nei rapporti con gli interlocutori precedentemente citati.

Il rispetto delle regole espresse nel presente documento, è monitorato dal Comitato che ha l’autorità, l’autonomia e l’indipendenza per eseguire i controlli che ritiene opportuni.

2) RESPONSABILITÀ

Il Comitato è l’Organismo di Vigilanza e Controllo che ha il compito di vigilare sull’effettiva attuazione del Codice Etico.

3) LA VISION E LA MISSION DI COOPAR

La Società Cooperativa COOPAR aspira e lavora per una societá inclusiva e rispettosa di tutte le diversitá, basata sull'uguaglianza, la giustizia, il diritto alla libertá di autodeterminazione e le pari opportunitá per ogni essere umano.

In vista di ciò, adotta la prospettiva di genere come chiave di lettura e strumento di azione politica per promuovere iniziative di ricerca, sensibilizzazione, formazione e informazione a carattere interdisciplinare con l'obiettivo di eliminare la discriminazione e garantire pari opportunitá.

La ricerca e la formazione rappresentano due ambiti di azione particolarmente rilevanti al fine di favorire l'integrazione della prospettiva di genere nei più diversi ambiti di studio e approfondimento, di offrire chiavi di lettura e strumenti operativi utili per interventi specifici su questioni di genere, sia per promuovere una maggiore sensibilizzazione che per diffondere nuove prassi politiche, economiche, sociali e culturali.

4) STRUTTURA DEL CODICE ETICO

4.1) I Principi Etici Generali


Legalità

Tutti i Destinatari-e sono tenuti al massimo e scrupoloso rispetto delle leggi applicabili nel nostro territorio, nonché dello Statuto di COOPAR.

Onestà

Tutti i Destinatari-e nell’ambito della propria attività sono tenuti a rispettare con diligenza le leggi vigenti, il Codice Etico e lo Statuto. In nessun caso, il perseguimento dell’interesse della Società Cooperativa può giustificare una condotta non onesta. Nessuno è autorizzato a dare o promettere ad un soggetto pubblico e/o privato denaro o altre utilità sia nell’esclusivo interesse personale che nell’interesse o a vantaggio dell’ente.

Correttezza

Tutti i Destinatari-e sono tenuti a rispettare i diritti di ogni soggetto comunque coinvolto nella propria attività associativa e/o professionale, sotto il profilo delle opportunità, della privacy e del decoro. Durante lo svolgimento delle proprie attività devono essere evitate discriminazioni e conflitti di interesse significativi tra ciascun socio-a, collaboratore-trice e la Società Cooperativa.

Trasparenza

Tutti i Destinatari-e sono tenuti a rispettare la trasparenza, intesa come chiarezza, completezza e pertinenza delle informazioni, evitando situazioni ingannevoli sia all’interno che all’esterno della Società Cooperativa.


Riservatezza, diligenza e fedeltà

Tutti i Destinatari-e devono assicurare l’opportuna riservatezza delle informazioni acquisite durante lo svolgimento delle proprie attività e di trattarle esclusivamente nell’ambito e per i fini delle proprie attività associative e/o lavorative e, comunque, di non divulgare (comunicare, diffondere o pubblicare in alcun modo) informazioni sensibili senza l’esplicito consenso degli interessati e informazioni riservate senza l’autorizzazione della Società Cooperativa (v. art. 321 del CO, ed in particolare cpv. 4).

Responsabilità

I Destinatari-e sono responsabili, ai sensi dell’art. 321 del CO, del danno cagionato intenzionalmente, per colpa, per negligenza grave o per mancato rispetto / adempimento delle direttive impartite / concordate con la Società Coooperativa.


Parità Opportunità

La Società Cooperativa è fermamente orientata a rispettare il principio delle Pari Opportunità nell’ambiente di lavoro, senza distinzione di sesso, stato civile, orientamento sessuale, fede religiosa, opinioni politiche e sindacali, colore della pelle, origine etnica, età e condizione di diversa abilità.

Rispetto della dignità della persona

Il rispetto per le persone, siano essi associati-e, collaboratori-trici e/o terzi, è uno dei principi generali che guida la Società Cooperativa. Tutti i Destinatari-e sono tenuti al rispetto e all’applicazione di tale principio sia nei confronti della Società Cooperativa che all’esterno.

Efficienza, spirito di servizio, valorizzazione delle risorse umane

La Società Cooperativa si impegna ad erogare le prestazioni ed i servizi, secondo il criterio dell’efficienza ed economicità, nella consapevolezza del valore sociale del contributo che la propria attività offre alla collettività. La Cooperativa ritiene che le risorse umane costituiscano un indispensabile elemento per l’esistenza, lo sviluppo ed il successo dell’impresa: a tal fine è impegnata a sviluppare le competenze e a stimolare le capacità e le potenzialità dei soci-e e di tutti i collaboratori-trici, affinché trovino piena realizzazione nel raggiungimento degli obiettivi. A tutti sono offerte pari opportunità di lavoro, tenendo conto delle specifiche qualifiche professionali e della capacità di rendimento, senza alcuna discriminazione.

4.2) I Portatori di Interesse della Cooperativa (‘Stakeholders’)


Si definiscono ‘Stakeholders’, tutti coloro che hanno un interesse nelle prestazioni o nel successo della Società Cooperativa; si riportano di seguito i principali portatori di interesse: 

Soci-e: costituiscono la proprietà sociale della Società Cooperativa.

Collaboratori-trici: indipendentemente dalla forma contrattuale che li lega alla Società Cooperativa o dal fatto di essere soci-e o meno, sono coloro che con il loro impegno, competenza, professionalità e benessere, si adoperano per il raggiungimento della missione sociale.

Clienti / Utenti: sono i principali diretti e indiretti destinatari dei servizi erogati dalla Società Cooperativa.

Ente Pubblico: è l’insieme dei soggetti Istituzionali (locali, nazionali e dell’Unione Europea) con cui la Cooperativa si relaziona per acquisire la gestione dei servizi, le eventuali autorizzazioni e/o accreditamenti, finanziamenti.

Fornitori: sono i partner commerciali che forniscono prodotti e servizi, con i quali la Società Cooperativa collabora nell’interesse reciproco.

Comunità: è l’insieme delle persone e dei territori in cui la Società Cooperativa opera e con cui entra in contatto attraverso i servizi che eroga.

4.3) Principi Etici per la gestione dei rapporti esterni


4.3.1) Clienti / Utenti

La professionalità, la competenza e la correttezza rappresentano i principi guida che tutti i soci-e e i collaboratori-trici devono garantire nei rapporti con tutti i clienti/utenti.

Protezione della riservatezza dei dati personali

La Società Cooperativa raccoglie ed elabora i dati personali di clienti, partner, soci-e, collaboratori-trici e di altri. I dati personali consistono in qualsiasi informazione che serve a identificare, direttamente o indirettamente, una persona e possono comprendere dati sensibili, come quelli che rivelano l’origine etnica o razziale, la fede politica, l’appartenenza a un sindacato, lo stato di salute, le tendenze sessuali o la fedina penale.

La Società Cooperativa è impegnata a rispettare le leggi vigenti in materia di protezione della privacy.

4.3.2) Fornitori

La scelta dei fornitori deve essere effettuata sulla base di criteri di professionalità, di economicità, di trasparenza e di maggior vantaggio per la Società Cooperativa.

Evitare che la scelta sia oggetto di concussione o corruzione del committente (no merce di scambio), e non ricercare sconti di prezzo eccessivamente lontani dai prezzi di mercato in quanto potrebbero essere consentiti dal ricorso a prodotti/servizi di provenienza non lecita.

Tutti i consulenti, i fornitori e in generale qualunque soggetto terzo che agisca per conto della Società Cooperativa è tenuto alla massima trasparenza, correttezza e rispetto della legalità, e ad evitare :

  • qualunque situazione di conflitto di interessi con la stessa, obbligandosi in caso di conflitto a segnalarlo immediatamente al Comitato
  • di compiere qualunque atto che sia o possa essere considerato contrario a leggi e/o a regolamenti vigenti, anche nel caso in cui da tale comportamento derivi o possa, anche solo in astratto, derivare un qualunque vantaggio o interesse per la Società Cooperativa
  • eventuali rapporti personali dei consulenti coi fornitori devono essere segnalati al Comitato della Società Cooperativa prima di ogni trattativa

ogni fornitore/consulente deve impegnarsi contrattualmente al rispetto del presente Codice Etico.

4.3.3) Pubblica Amministrazione e Istituzioni Pubbliche

È vietata qualsiasi forma di regalia o la semplice promessa di regalia a qualunque funzionario pubblico o suo familiare che eccedano oltre le normali pratiche commerciali o di cortesia.

Qualunque socio-a o soggetto terzo che rappresenti la Società Cooperativa, non è autorizzato ad accettare qualsiasi forma di dono (eccedente i modici valori) o favoritismo da parte dei funzionari pubblici, ed è tenuto a segnalarlo al Comitato.

4.4) Principi Etici per la gestione dei rapporti interni


 

4.4.1) Soci-e

Tutela di informazioni riservate e corretta gestione di documenti

Le informazioni di proprietà di COOPAR appartengono alla Società Cooperativa. Soci-e, collaboratori-trici e sono tenuti a prendere le necessarie precauzioni per assicurare che qualsiasi informazione aziendale riservata venga salvaguardata sia dalla diffusione esterna che dalla diffusione non autorizzata all’interno della Società Cooperativa.

Qualora, per esigenze di lavoro, si dovesse rendere necessaria la diffusione o la comunicazione di informazioni riservate, è necessario ottenere prima un’appropriata tutela.

Non è consentito utilizzare informazioni aziendali riservate a proprio vantaggio. Tale divieto non ha limite di tempo e continua oltre il periodo di impiego o la vita associativa.

Informazioni riservate di terzi (Clienti / Utenti – Pubblica Amministrazione)

Senza la debita autorizzazione, i soci-e e i collaboratori-trici non possono chiedere, ricevere o utilizzare informazioni riservate appartenenti a terzi.

Informazioni su clienti, fornitori, concorrenti, partner e consulenti che siano state già pubblicate o siano divenute di dominio pubblico o sviluppate indipendentemente, non sono da considerarsi riservate. Tuttavia, se tali informazioni recano esplicite diciture di proprietà e riservatezza, prima di utilizzarle o divulgarle rivolgersi al Comitato.

E’ vietato servirsi di terzi per acquisire illecitamente informazioni riservate di altri.

Gestione dei documenti

I documenti della Società Cooperativa costituiscono una preziosa risorsa aziendale. Per proteggerla, tutti-e sono tenuti a prendere le misure necessarie in modo da garantire che i documenti della Società Cooperativa siano gestiti e controllati in conformità alle pratiche di gestione documenti generalmente adottate, secondo quanto stabilito dalle procedure del sistema di gestione per la qualità.

4.4.2) Comitato

Ai membri di Comitato è fatto divieto di :

  • restituire i conferimenti ai soci-e o liberarli dall'obbligo di eseguirli, fuori dei casi di legittima riduzione del capitale sociale, e di effettuare riduzioni del capitale sociale o fusioni con altra società o scissioni, in violazione delle disposizioni di legge a tutela dei creditori;
  • ripartire utili o acconti su utili non effettivamente conseguiti o destinati per legge a riserva, ovvero ripartire riserve non distribuibili a termini di legge;
  • formare od aumentare fittiziamente il capitale della Società mediante operazioni non consentite dalla legge.

4.4.3) Collaboratori-trici

La scelta dei collaboratori-trici è effettuata tenendo conto esclusivamente delle effettive esigenze della Società Cooperativa e del profilo professionale del candidato-a, garantendo il rispetto dei principi di eguaglianza e di pari opportunità e rifiutando qualunque forma di favoritismo, nepotismo o clientelismo.

I rapporti di lavoro sono formalizzati con regolare contratto (mandato di prestazione), rifiutando qualunque forma di lavoro irregolare.

Ogni collaboratore-trice della Società Cooperativa è tenuto al più scrupoloso rispetto dei principi etici generali precedentemente espressi e delle regole interne alla struttura, con particolare attenzione ai requisiti relativi alla tutela della salute e della sicurezza sul luogo di lavoro.

Sarà comunque cura della Società Cooperativa quantificare correttamente già in fase di analisi del bando per il servizio da acquisire tutti i costi per la sicurezza prevedibili e necessari a garantire la salvaguardia della salute e della sicurezza dei lavoratori ed a monitorare l’intero sistema di gestione per la sicurezza.

La Società Cooperativa non tollera discriminazioni o molestie illegali di ogni genere ed invita i propri collaboratori-trici a segnalarne l’eventuale presenza al Comitato.

5) DESTINATARI-E

I soci-e e tutti i collaboratori-trici della Cooperativa, quali destinatari-e del presente Codice Etico, sono tenuti ad attenersi ai principi qui espressi, permeandone i quotidiani comportamenti associativi e professionali.

Tutti coloro (fornitori, prestatori di servizi, consulenti, ecc.) che a vario titolo collaborano con la Società Cooperativa sono tenuti al rispetto delle norme del presente Codice Etico in quanto loro applicabili.

Le regole contenute nel presente Codice Etico integrano lo Statuto e orientano le  procedure interne nonché i comportamenti da adottare nei momenti operativi che non sono stati analiticamente previsti e disciplinati.

6) DIFFUSIONE DEL CODICE ETICO

La Cooperativa si impegna a far conoscere il presente Codice Etico a tutti i Destinatari-e, inviandone copia e richiedendo ai singoli destinatari un’attestazione scritta dell’avvenuto ricevimento.

La notifica sarà eseguita nei riguardi dei nuovi soggetti, man mano che diventeranno Destinatari-e del presente Codice e, quindi, al momento dell’accettazione della carica, dell’assunzione della qualità di socio-a, della stipula del rapporto di consulenza o collaborazione con la Cooperativa.

Il presente Codice Etico entra in vigore dalla data di costituzione della Società Cooperativa.

7) PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

Il Comitato ha il compito di vigilare circa eventuali violazioni dei doveri previsti nel presente Codice e di trasmette i risultati delle indagini svolte, con le eventuali proposte per l’applicazione delle possibili sanzioni disciplinari, all’Assemblea.

Sanzioni

L’organo competente, a seconda della gravità dell’attività illecita realizzata dal soggetto risultato coinvolto in una delle attività illecite previste dal presente Codice Etico, prenderà i provvedimenti opportuni, indipendentemente dall’eventuale esercizio dell’azione penale da parte dell’autorità giudiziaria.

I comportamenti in disprezzo del presente Codice Etico possono costituire relativamente:

  • ai collaboratori-trici, un grave inadempimento rilevante ai fini dell’interruzione del rapporto di collaborazione;
  • ai membri di Comitato , giusta causa per revoca del mandato con effetto immediato;
  • ai soci-e, causa di cessazione della qualità di socio-a.

In queste ipotesi la Società Cooperativa ha diritto al risarcimento dei danni eventualmente patiti a causa della condotta illecita realizzata.

 

Lugano, 2014